La Giunta approva il rifacimento del campo da bocce a Mazzorbo e la realizzazione di nuovi servizi igienici

05/05/2021

La Giunta comunale riunitasi ieri in web conference, ha approvato, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, il progetto definitivo, comprensivo di quello di fattibilità tecnico economica relativo alla realizzazione di nuovo chiosco, al posto di quello esistente, da destinare a servizi igienici e il ripristino dei campi da bocce collocati nell’isola di Mazzorbo nei pressi del ponte Longo. Un intervento dal valore di 180mila euro.

“L’attenzione e la cura per il nostro territorio interessa questa volta l’Isola di Mazzorbo – commenta l’assessore Zaccariotto – uno dei luoghi più affascinanti della Laguna e che merita un intervento che andrà a ridare decoro ad un’area da tempo abbandonata. Obiettivo dell’Amministrazione è, da una parte, la realizzazione di un numero adeguato di servizi igienici pubblici, dall’altra il ripristino dei campi da bocce. In tale contesto verrebbe a crearsi un centro sportivo bocciofilo con adeguati servizi igienici utilizzabili sia per i frequentatori del centro sia per quanti si rechino nell’isola per goderne la bellezza”.

“Un intervento molto importante che andrà a migliorare la qualità della vita dei residenti e dei visitatori – commenta il consigliere delegato alle Isole Alessandro Scarpa ‘Marta’. Un ulteriore gesto di attenzione del sindaco Luigi Brugnaro e della Giunta a favore delle isole della laguna di Venezia che necessitano di investimenti e manutenzioni costanti”.

Nello specifico la soluzione progettuale consiste nel restauro funzionale dei campi da bocce e nella ricostruzione di un chiosco dal punto estetico, dimensionale e volumetrico uguale a quello esistente creando all’interno dello stesso 4quattro servizi igienici (di cui uno per disabili) e un’area nursery.

L’indicazione è stata quella di ricavare i servizi igienici senza cambiare le dimensioni e l’aspetto esistente del chiosco. L’unica variazione è ricaduta sulla scelta dei materiali e consiste nella sostituzione del legno delle pareti con pannelli compositi verticali, con effetto visivo uguale al legno, e la copertura sarà metallica con aspetto visivo uguale al rame.

La variazione è stata fatta al fine di garantire una maggiore durata al manufatto, evitando il deterioramento naturale del legno provocato dagli agenti atmosferici. Sarà anche sostituita la fossa trisettica esistente non più idonea dal punto di vista dimensionale e tecnico, rispetto ai parametri richiesti attualmente, con una nuova fossa tricamerale prefabbricata idonea a trattare i reflui provenienti dai nuovi servizi igienici.

La pavimentazione in cotto limitrofa e adiacente al chiosco sarà leggermente ampliata e modificata, al fine di agevolare la fruizione dei servizi igienici stessi. Per quanto riguarda il campo da bocce si prevede la pulizia completa dell’area, la sistemazione delle reti di recinzione, il rifacimento del campo e dell’impianto elettrico di illuminazione con la sostituzione delle lampade esistenti con lampade di nuova generazione.

Link al Comune di Venezia: https://live.comune.venezia.it/it/2021/05/la-giunta-approva-il-rifacimento-del-campo-da-bocce-mazzorbo-e-la-realizzazione-di-nuovi

Il delegato del sindaco Scarpa ‘Marta’ alla Festa del Cristo a Pellestrina

Il delegato del sindaco per le Isole, Alessandro Scarpa ‘Marta’, ha preso parte questa sera, in rappresentanza della città, alla cerimonia che si è svolta in occasione della Festa del Cristo, promossa dalla Confraternita del Santissimo Crocifisso.La celebrazione eucaristica si è svolta nella Chiesa arcipretale di Ognissanti a Pellestrina, ma a causa delle disposizioni Covid19 non è stato possibile svolgere la tradizionale processione con il Crocefisso ligneo che è stato esposto in chiesa.Alla messa, presieduta è dal parroco Don Renato, hanno preso parte le autorità civili e militari, i rappresentanti della Municipalità di Lido Pellestrina, i cavalieri del santo sepolcro, assieme ai fedeli delle quattro parrocchie dell’isola e ai volontari della Confraternita.